Andrea Pasqualon

RIDER

ANDREA PASQUALON E IL SUO PROSSIMO TOUR DE FRANCE

Ciao a tutti,

Sono Andrea Pasqualon e sono un ciclista professionista del Team Wanty – Groupe Gobert.

Prima di intraprendere la carriera di corridore, ho praticato sci alpino a livello agonistico con lo Sci Club Enego 2000, cogliendo anche importanti risultati. Essendo originario di Enego, è stato naturale praticare lo sci e appasionarmi agli sport invernali fin da piccolo.

Al mondo del ciclismo mi sono avvicinato relativamente tardi, a 16 anni, grazie alla passione di due miei zii materni, Denis e Francesco, che mi hanno trasmesso tutto il loro entusiasmo, essendo stati entrambi ciclisti.

Dopo le prime esperienze nelle categorie Allievi e Juniores, nel 2007 sono approdato tra i dilettanti alla Termopiave Meccanica dove ho iniziato a conseguire i primi importanti piazzamenti. Grazie a questi risultati, sono stato notato dalla G.S. Zalf Désirée – Fior, la più importante squadra italiana del panoramica dilettantistico, che mi ha voluto nel proprio organico. Con la Zalf sono riuscito a vincere 10 corse in due anni, tra cui anche la prestigiosa gara internazionale “Trofeo Piva – Col San Martino”.

Terminata l’avventura tra i dilettanti, sono passato professionista con la Colnago – CSF Inox (ora Bardiani – CSF) della famiglia Reverberi, squadra nella quale sono rimasto per 3 stagioni. Nel 2014 ho militato nel team continental Area Zero, prima di trasferirmi per due stagioni nel team svizzero Roth-Skoda. Qui, durante il Tour de Suisse sono stato notato dal team belga Wanty – Groupe Gobert, che mi ha voluto per la stagione successiva e che in seguito mi ha rinnovato il contratto fino al 2019. In questo team mi trovo davvero molto bene. Del resto il Belgio è da sempre l’università del ciclismo.

Il Team Wanty – Groupe Gobert è una squadra organizzata e mi permette di partecipare alle più importanti corse del calendario World Tour, tra cui anche la Ronde Van Vlaanderen, la gara alla quale sono più legato.

Sabato saremo al via del Tour de France 2018. Questa per me è la seconda partecipazione dopo quella dell’anno scorso. Riuscire a portare a termine il Tour, con la passerella finale sugli Champs Elysees è stata una grande soddisfazione. In vista della Grand Boucle, le ultime settimane sono state molto intense. Per 20 giorni infatti mi sono allenato in altura, scalando i più importanti passi alpini al confine tra Svizzera e Italia. Il programma di allenamento prevedeva tre giorni intensi, dove accumulare nelle gambe un dislivello giornaliero di 3.500-4.500 metri, mentre il quarto giorno era in programma una giornata di scarico in palestra.

Rimanere in bicicletta per 6-7 ore al giorno, percorrendo oltre 39.000 Km in un anno,  non è per niente facile ed è per questo che ogni dettaglio è fondamentale per cercare di esprimersi al meglio.

Da questo punto di vista Selle San Marco mi ha fornito una sella davvero comoda e performante, il modello Aspide Team Edition, sulla quale mi sono trovato subito a mio agio.

Oltre al ciclismo, questo periodo della mia vita è davvero grandioso. 17 mesi fa sono diventato padre della piccola Joyel, una bambina che ho avuto dalla mia compagna Tanja. Loro cercano sempre di seguirmi alle corse e anche quest’anno saranno a Parigi, per l’arrivo del Tour de France.

L’obiettivo per questa Grand Boucle è quello di portare a casa un risultato importante, per cercare di convincere il CT Cassani a convocarmi per i Campionati Europei che si svolgeranno ad Agosto a Glasgow, in Scozia.

Voi nel frattempo continuate a tifare per me e a seguirmi sulle strade del Tour.

Un saluto a tutti.

Andrea

 

Andrea Pasqualon e il suo prossimo Le Tour de France 🇫🇷#sellesanmarco #weridewithyou #letour Wanty – Groupe Gobert Andrea Pasqualon

Posted by Selle San Marco on Thursday, July 5, 2018